Ricerca personalizzata
Sei in » Home Page » archivio delle notizie VoIP » Varie » WiMax: via alla vendita delle licenze. Più VoIP pe...


[Varie] WiMax: via alla vendita delle licenze. Più VoIP per tutti, ma già scoppiano le polemiche

17 Ottobre 2007 - Redazione di Voipping.com

Finalmente, il Ministro Gentiloni presenta il bando di gara per l'assegnazione delle frequenze WiMax. Nuove opportunità per il VoIP, lotta reale al digital divide o uno strumento per consolidare le posizioni dei maggiori operatori di TLC?


Una conferenza stampa, organizzata quasi a sorpresa nei giorni scorsi, ha segnato il via definitivo alla corsa per l'implementazione della tecnologia WiMax anche nel nostro Paese. Il Ministro per le Comunicazioni Paolo Gentiloni ha infatti presentato il bando di gara che prevede l'assegnazione dei diritti sulle frequenze WiMax (Worldwide Interoperability for Microwave Access) comprese tra i 3,4 e 3,6 GHz.

Un provvedimento atteso da tempo, in quanto sono in molti a confidare nel WiMax come strumento per combattere il problema del digital divide ed assicurare un accesso capillare alla banda larga e ai suoi servizi (tra i quali ovviamente il VoIP) in tutte le regioni d'Italia, considerato il fatto che sono ancora numerose le zone in cui questo rappresenta una vera e propria chimera.

Proprio quest'ultimo sembra anche essere l'obiettivo del Ministro stesso, che ha dichiarato come, grazie alla capacità del WiMax di garantire una copertura di rete estesa (per un raggio di circa 50 km) utilizzando un numero relativamente contenuto di base station, potranno essere raggiunte anche "aree più difficili sia dal punto di vista economico che morfologico".


Entrando nei dettagli del processo di assegnazione dei diritti, il Ministero ha comunicato che le licenze per le quali si potrà concorrere saranno 35, della durata di 15 anni, rinnovabili e non cedibili, per una base d'asta complessiva di 45 milioni di euro, in linea con le controparti europee. 14 delle licenze in questione, che copriranno archi di frequenza di 2×21MHz, saranno assegnate sulla base della suddivisione dell'Italia in 7 macroaree, mentre le restanti 21 avranno base regionale.

Una buona notizia in sé, che sblocca una situazione di immobilismo che da troppo tempo circondava la questione WiMax in Italia ma che, come nella maggior parte dei casi in cui si parla di Telecomunicazioni nel nostro paese, ha già scatenato una selva di polemiche.

Sotto accusa innanzitutto il meccanismo di suddivisione delle licenze: secondo quanto pubblicato da Adiconsum, infatti, il fatto che due dei tre macroblocchi di licenze siano aperti ad operatori hanno già implementato un'altra tecnologia wireless per la banda larga (UMTS) rischia di creare una soluzione poco favorevole al regime di libera concorrenza e di sviluppo tecnologico. A ragion del vero, tuttavia, ci sembra corretto sottolineare che il fatto che le 21 licenze regionali siano "prioritariamente riservate a concorrenti che non dispongono già di licenze Umts" ci sembra un punto di partenza quantomeno accettabilie per garantire un certo pluralismo nel campo.

Altre perplessità riguardano invece aspetti più tecnici. Sul sito di keybiz.it sottolinea che lo spettro di frequenze che verranno liberate fa pensare si riferiscano sostanzialmente ad opzioni di connettività fissa, mentre ancora non è stato chiarito se sarà possibile implementare lo standard 802.16e (WiMax mobile).

Questi e altri dettagli dovranno essere chiariti dal bando ufficiale per l'avvio della gara d'appalto, in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni: per il momento non possiamo che accogliere con soddisfazione, nonostante le riserve appena accennate, un passo in avanti verso l'adeguamento dei sistemi di comunicazione italiani a quelli all'avanguardia nel resto del mondo, sperando che questo possa essere anche una spinta significativa alla diffusione dell'utilizzo del VoIP come strumento per comunicare.




Hai trovato questo articolo interessante? Segnalalo su:

Lascia il tuo commento!

Hai trovato questo notizia interessante? Se vuoi dire la tua o qualsiasi altra cosa ti venga in mente, lascia il tuo commento!

N.B. Tutti i campi sono obbligatori

Scrivi il tuo commento!

* campi obbligatori

Visual CAPTCHA

Ultime 10 notizie

20.12.2009 - iPhone e iPod Touch a tutto VoIP con gli aggiornamenti di Fring e la nuova applicazione Vopium

16.11.2009 - Venti di cambiamento nel mondo del VoIP: Google acquista Gizmo5 e punta a far decollare Google Voice

13.10.2009 - Social Networks: Vivox porta il VoIP su Facebook, rilasciata la prima beta

11.09.2009 - Coi nuovi servizi Nòverca le spese per chiamate, VoIP e messaggi sono sempre sotto controllo

05.08.2009 - Skype conteso tra eBay e Joltid: il più famoso client VoIP in odore di chiusura?

03.07.2009 - Pioggia di nuovi software per il colosso Skype: rilasciati i client VoIP per Windows, Windows Mobile e iPhone

11.06.2009 - Il client VoIP Fring, a testa alta nella crisi, con la release 3.4 fonde i servizi di IM

29.05.2009 - Nuova beta per Skype: con la versione 4.1 arriva anche la condivisione dello schermo con i propri contatti

14.05.2009 - Operatori vs VoIP: in Germania Vodafone e T-Mobile cedono al VoIP, ma con tariffe speciali

30.04.2009 - Leasing Program: anche Snom incentiva la diffusione del VoIP nelle aziende?

10 notizie più lette

06.02.2006 - I forum di Wireless

19.08.2008 - I nuovi PC di Intel si accendono quando ricevono in entrata le chiamate VoIP via Jajah!

02.03.2009 - Piccoli servizi VoIP crescono: Jaxtr espande il suo servizio FeeConnect anche ai cellulari degli utenti non registrati

13.10.2009 - Social Networks: Vivox porta il VoIP su Facebook, rilasciata la prima beta

11.06.2009 - Il client VoIP Fring, a testa alta nella crisi, con la release 3.4 fonde i servizi di IM

01.08.2007 - Grazie a Voipcheap, tre mesi di telefonate gratuite

10.04.2008 - Vuoi chiamare gratis in VoIP? Con Voixio è facile, basta un po' di pubblicità!

19.07.2007 - Faxator: inviare fax dal proprio PC è facile e gratuito

14.05.2009 - Operatori vs VoIP: in Germania Vodafone e T-Mobile cedono al VoIP, ma con tariffe speciali

15.10.2007 - Truphone: telefonate VoIP gratis verso i numeri fissi, tariffe tagliate verso i cellulari