Ricerca personalizzata
Sei in » Home Page » Glossario VoIP

Glossario VoIP

Cosa significa "bps"?

Acronimo di Bit Per Second. Si tratta della misura della velocità di trasmissione di dati, viene indicata appunto in “bit per secondo”. Per esempio si possono citare quei modem comunemente chiamati 56k: quel “k” è l'abbreviazione della sigla Kbps (un migliaio di bit al secondo). Le altre unità di misura sono Mbps e Gbps, rispettivamente un milione ed un miliardo di bit al secondo.

Cosa significa "Buffer"?

Un buffer è una zona nella memoria di un pc in cui viene lasciata "in attesa" un'informazione, prima di essere smistata verso il programma che deve utilizzarla.
E' possibile quindi memorizzare in un buffer, anche i pacchetti voce VoIP di una conversazione telefonica via internet, in modo da poterli spedire insieme: ciò migliorerebbe la qualità delle conversazioni, ma creerebbe delle comunicazioni asincrone, facendo aumentare il tempo di latenza (ritardo).

Cosa significa "CDR"?

Sigla che sta per Call Detail Record. Le chiamate VoIP consentono di tenere un registro dei dettagli delle chiamate (CDR): esso serve soprattutto alle aziende per vari motivi, come evitare la perdita dei dati delle telefonate, oppure conservare tali informazione ed anche poterle analizzare da opportuni software.

Cosa significa "CLI"?

Acronimo di Calling Line Identification (identificazione del numero chiamante). È un servizio che permette all'utente che riceve la telefonata di sapere da quale numero essa proviene; tipico dei telefoni cellulari, è attualmente presente anche su molti telefoni fissi e cordless. Il servizio CLI agevola in particolar modo le aziende in quanto consente loro di identificare il chiamante ed inoltrarlo all'interno desiderato. Naturalmente anche con la telefonia via internet si ha la possibilità di avere questo servizio, anche se è stato evidenziato come, tramite VoIP, sia più semplice la falsificazione del CLI. Problema che però, grazie alla sempre maggior diffusione di questa tecnologia e conseguente maggior attenzione posta su di essa, è stato già risolto dalla maggior parte dei provider.

Cosa significa "Client"?

E' uno dei due elementi fondamentali nella comunicazione client-server. Si tratta di processi che dove un processo (client) utilizza dei servizi offerti da un altro sistema.
Navigando in rete si raggiungono server in ogni parte del mondo; i sistemi client-server sono tipicamente di tipo “stellare”, dove cioè molti client utilizzano i servizi (programmi, applicazioni...) di un unico server. Un esempio molto comune sono i client di posta elettronica: questi programmi, dal nostro pc, vanno ad utilizzare applicazioni che risiedono su di un server (ad esempio un comune client di posta elettronica) dislocato su di una qualsiasi macchina nel mondo.

Cosa significa "CoDec"?

Si tratta di un algoritmo usato in particolar modo nella telefonia IP, mediante il quale si "comprime" (code o encode), più o meno intensamente, una sorgente audio / video e con cui la si decomprime (decode) senza perdere una quantità significativa di informazioni.

Cosa significa "Criptazione"?

Tecnica di codifica dei dati che limita l'accesso agli stessi da parte di estranei o di utenti senza autorizzazione. In una comunicazione via rete (di qualunque tipo essa sia) questo metodo per “criptare” i dati, garantisce la privacy. Nel caso specifico di una telefonata via internet VoIP ogni singolo pacchetto voce viene criptato, passato attraverso la rete per mantenerne la privacy, ed infine viene “decriptato” (procedimento inverso) per poter essere correttamente ascoltato e compreso dall'interlocutore.

Cosa significa "Gateway"?

Letteralmente si traduce con le parole “ingresso” o “passaggio”: si tratta di un sistema che gestisce la comunicazione tra reti, regolando il flusso di dati in transito, instradandolo in alcuni casi verso altre reti, oppure verso altri gateway. Nella telefonia via internet, il gateway ha il compito di regolare il transito dei pacchetti voce.

Cosa significa "H323"?

H323 è il nome di uno standard definito da ITU-T che specifica i componenti, i protocolli e le procedure che consentono di fornire servizi di comunicazione multimediale in tempo reale con audio, video e trasmissione dati su reti a pacchetti, incluse le reti basate su protocollo IP (Internet protocol).

Cosa significa "ITSP"?

La sigla ITSP è l'acronimo di Internet Telephony Service Providers, ovvero quelle compagnie che vendono servizi telefonici basati su tecnologia VoIP. Esse danno quindi la possibilità ai propri clienti di effettuare telefonate tramite la rete Internet.

Cosa significa "Jitter"?

La traduzione letterale è "distorsione" o "tremolio". In effetti è un fenomeno che causa delle distorsioni di un segnale digitale. Per quanto riguarda la telefonia, il fenomeno del Jitter è inerente all'audio e comporta rumori indesiderati all'interno di un file audio od anche perdita di parte dei dati mentre vengono trasmetti nella rete.
Nelle chiamate VoIP questo fenomeno implica l'arrivo a tempi differenti dei pacchetti voce, provocando disturbi e problemi di sincronia durante le telefonate. E' possibile ovviare al problema usando un buffer apposito (trovate la definizione in questa sezione), chiamato appunto "Jitter buffer": è molto importante disporre con attenzione la dimensione di questo spazio, onde trovare un compromesso tra qualità audio e sincronia della chiamata.

Cosa significa "Latency"?

La Latency (in italiano latenza od anche ritardo) consiste nel tempo che intercorre tra l'emissione di un suono e la sua percezione da parte dell'interlocutore: una latenza fino a 180 millisecondi è considerata accettabile, affinche sia possibile condurre una normale conversazione telefonica, anche se la latenza a cui si è abituati nei sistemi telefonici tradizionali è inferiore agli 80 millisecondi.

Cosa significa "LCR"?

Acronimo di Least Cost Routing (letteralmente “smistamento di chiamate economiche”) consiste nell'instradamento delle telefonate in arrivo verso l'operatore più conveniente, a seconda dell'orario e della tipologia della chiamata. E' una soluzione utilizzata più dalle aziende che dai privati, disponibile in un qualsiasi centralino che sfrutta la Voice Over IP.

Cosa significa "MOS"?

Acronimo di Mean Opinion Score, indica la qualità di una telefonata rilevata dall'utente finale. Simile al PESQ.

Cosa significa "PBX"?

Acronimo di (Private Branch eXchange), sta ad indicare un centralino telefonico (exchange) per uso privato. E' un sistema di comunicazione utilizzato generalmente nelle aziende per effettuare chiamate interne ed esterne. Può essere sostituito dal termine PABX, dove la 'A' sta per automatico, ma siccome tutti i centralini al giorno d'oggi sono automatici, i due termini vengono utilizzati per indicare lo stesso dispositivo.
Con l'avvento dei servizi VoIP sono nati degli appositi centralini PBX per telefonia via internet che integrano questa tecnologia: essi sono collegabili sia alla rete che a linee analogiche e provvedono a smistare sia le chiamate da e verso la rete, che quelle da e verso i telefoni tradizionali.

Cosa significa "PESQ"?

Sigla che indica Perceptual Evaluation of Speech Quality, tradotto letteralmente con "valutazione percettiva della qualità della discussione", intende (come l'acronimo MOS) un giudizio sulla qualità della telefonata dato da colui che la effettua.
Viene utilizzato dagli operatori telefonici VoIP per testare la qualità del loro servizio.
Per le telefonate da internet il problema della qualità è decisamente più sentito rispetto alla telefonia tradizionale; chi offre servizi VoIP infatti, deve garantire la miglior qualità possibile della telefonata: per farlo le compagnie telefoniche devono aver la certezza che vi sia una certa quantità di banda sempre disponibile, in modo tale da evitare il verificarsi di latenze, ritardi o disturbi nella conversazione che indiscutibilmente ne peggiorano la qualità. Vi sono strumenti oggettivi che forniscono l'indice PESQ (sottoforma di un valore compreso tra 0 e 5) di una conversazione telefonica, dando la possibilità ai gestori di modulare al meglio la qualità del servizio offerto.

Cosa significa "Provider"?

Dall'inglese “fornitore”, è detta provider quella società che fornisce un servizio a terzi. Solitamente il termine indica gestori internet (noti provider sono ad esempio Telecom, Tiscali, Libero); provider VoIP invece, sono le società che forniscono servizi di telefonia dalla rete.

Cosa significa "PSTN"?

Acronimo di Public Switched Telephone Network, ovvero il sistema di telefonia internazionale basato sui tradizionali dopppini di rame pesnati per trasportare la voce in modalità analogica. Questo sistema si contrappone ad i nuovi sistemi basati su tecnologie digitali, come ad esempio l'ISDN. Il servizio telefonico fornito sfruttando il sistema PSTN viene chiamato POTS (Plain Old Telephone Service, ovvero Servizio di Telefonia Tradizionale).

Cosa significa "QoS"?

QoS è l'acronimo di "Quality of Service", ovvero "Qualità del servizio", un espressione tesa a sottolineare la capacità di un'apparecchiatura di garantire un determinato livello qualitativo: nello specifico del Voice over IP la gestione della qualità del servizio viene garantita dalla prioritizzazione del traffico voce rispetto ad altre tipologie di traffico, garantendogli una banda sufficiente ed una latenza accettabile.

Cosa significa "RTG"?

E' l'abbreviazione di Rete Telefonica Generale, sinonimo di PSTN.

Cosa significa "SIP"?

Acronimo di Session Initiation Protocol, è un protocollo per la trasmissione di segnali vocale su rete, adatto per creare conferenze multimediali, notifiche eventi e consentire la gestione di messaggi istantanei. È oggigiorno il protocollo più usato per il Voice Over IP, e con il tempo rimpiazzerà il protocollo H.323.

Cosa significa "SOHO"?

Small-Office, Home-Office. Distingue una categoria di mercato formata da piccole (small) aziende, professionisti e quei lavoratori che svolgono la loro attività da casa (home). Sono molti quei provider VoIP che, conseguentemente all'aumento di richieste VoIP da parte dei SOHO, stanno creando servizi studiati appositamente per soddisfare le loro esigenze.

Cosa significa "TDM"?

Acronimo di Time Division Multiplexing ("multiplazione" a divisione di tempo); si tratta di un sistema mediante il quale in un canale di comunicazione viene condiviso da vari utenti: ognuno di essi ottiene a turno la possibilità di utilizzare completamente il canale per un lasso di tempo definito ed identico per gli utenti. I vantaggi che ne derivano sono soprattutto economici in quanto anzichè realizzare numerosi canali di comunicazione con poca capacità, ne viene realizzato solamente uno ma con capacità molto elevate; grazie alla tecnologia TDM si "divide" questa capacità tra tutti i pc collegati.
Il Time Division Multiplexing viene utilizzato dagli operatori di telefonia VoIP, in quanto garantisce la stabilità della capacità di trasmissione di ogni singolo utente connesso.

Cosa significa "VOIP"?

E' l'acronimo di Voice Over IP, ovvero il passaggio della voce su rete dati IP, ed è più o meno propriamente utilizzato per indicare le comunicazioni vocali che avvengono attraverso reti dati di qualsiasi genere.

Cosa significa "VPN"?

Acronimo di Virtual Private Network, che si traduce in (rete privata virtuale); viene così definita una rete virtuale, che sfrutta internet per trasmettere dati e comunicare, senza essere “pubblica”, ma riservata ad un numero ristretto e limitato di utenti. Le comunicazioni e gli scambi di dati tra gli utenti stessi sono criptati per garantire la riservatezza, così come l'accesso alla VPN, che è chiuso ed ha il controllo su tutti gli accessi.

Cosa significa "Wi-Fi"?

E' l'abbreviazione delle parole “wireless” e “fidelity”, che letteralmente significano “fedeltà senza fili”. La tecnologia wi-fi permette tipicamente di collegare un computer alla rete internet senza l'utilizzo di fili: sfrutta onde radio a velocità elevatissime, da 11 a 54 megabit al secondo. Un pc wi-fi può collegarsi ad internet connettendo il proprio apparecchio in delle apposite zone dette “hot spot”. Queste si stanno diffondendo di pari passo con la tecnologia wi-fi, soprattutto in luoghi con alta affluenza di persone come aeroporti, stazioni, hotel ecc...

Cosa significa "Wireless"?

Parola composta dall'unione di “wire” che vuol dire “filo” e “less” che intende “in maniera minore”. La traduzione più o meno letterale significa semplicemente “senza filo” e nel mondo dell'IT indica una caratteristica di un prodotto o di una tecnologia: i dispositivi wireless comunicano tra loro sostituendo al filo le onde radio, i raggi infrarossi o laser. Mouse e tastiere wireless sono all'oggi molto diffuse anche sui pc per uso domestico.